The Glam Community

The Glam Community
[ Home | REGISTRATI | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | GUESTBOOK | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Pink Area
 Musica
 Tamurita: Dio è Morto!
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro

| More
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore  Discussione Discussione Successiva  

Amministratore
Amministratore

MeIsMe


69 Messaggi

Inserito il - 16 novembre 2013 : 20:38:13  Mostra Profilo Invia a Amministratore un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Quando Nietzsche creò il Punk
I Tamurita sulla scia della Beat Generation, introducono il loro "quinto elemento": il violino.


Gott ist tot”: Dio è morto. Basterebbe questa frase di Nietzsche per raccontare l’intero movimento Beat, l’urlo di Ginsberg e l’universo di Kerouac.
Chissà se Nietzsche avrebbe mai immaginato che la sua lirica profetica e caustica avrebbe accompagnato la rivoluzione del ’68.

“Dio è morto” così titolerà un giovanissimo Francesco Guccini, in uno dei suoi brani più discussi e leggendari, alle porte di una delle rivoluzioni culturali più importanti del ventesimo secolo.
Dopo quasi 50 anni da quel lontano 1967, il messaggio di rabbia e di speranza di quei testi non si è mai assopito. Il testimone lo raccolgono oggi i Tamurita nel nuovo attesissimo clip che accompagna questa favolosa cover rivisitata in chiave rock-punk.

Il video è anche occasione per presentare, per la prima volta al grande pubblico, l’ingresso nella band della violinista Rossella Camillini: nuove influenze sonore, fortemente volute da Sergio Piras, che con gli archi introduce quelle sonorità tipiche del Bluegrass.

Raggiungo telefonicamente Sergio mentre è in viaggio insieme ad Andrea Zedda per una nuova tappa di Moses, progetto indipendente in acustico.
«In questo brano ogni frase è uno slogan» ci dice Sergio. «Ti rendi subito conto che nulla è cambiato.
I nuovi campi di sterminio di oggi non si chiamano più Auschwitz, ma sono le torri gemelle di New York, le nuove droghe sintetiche» e sottolinea: «Credo che oggi ci sia un appiattimento generale. Molti ragazzi di 20 anni mi spaventano. Non sanno neppure chi sia Guccini o Nietzsche. Hanno perso il senso del bello. Bombardati come siamo da modelli distorti di una bellezza che è mercificazione della carne e falsi miti, noi abbiamo scelto un video che non mostra culi e tette ma immagini vere, dirette e poco patinate»

Ecco che arriva la luce in fondo al tunnel: «Ma credo anche che ci siano dei segnali di speranza. Nel video tutto questo è suggerito nelle immagini di una nuova nascita. Dobbiamo credere davvero che, nelle nuove generazioni, ci sia la chiave di svolta per il miglioramento. »


DIO È MORTO - TAMURITA


www.sardiniafashion.com www.istitutomodaeimmagine.com
   Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Nuovo Sondaggio Nuovo Sondaggio
 Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro

| More
Vai a:
The Glam Community © sardiniafashion.com Torna all'inizio della Pagina
Tempo di risposta: 0,09 secondi.